MONTE GRAPPA 
 
 
Monte Grappa, tu sei la mia patria, 
sovra te il nostro sole risplende, 
a te mira che spera ed attende, 
i fratelli che a guardia vi stan. 
 
Contro a te giÓ s'infranse il nemico, 
che all'Italia tendeva lo sguardo: 
non si passa un cotal baluardo, 
affidato agli italici cuor. 
 
Monte Grappa, tu sei la mia Patria, 
se la stella che addita il cammino, 
sei la gloria, il volere, il destino, 
che all'Italia ci fa ritornar. 
 
Le tue cime fur sempre vietate, 
per il pie' dell'odiato straniero, 
dei tuoi fianchi egli ignora il sentiero 
che pugnando pi¨ volte tent˛. 
 
Quale candida neve che al verno 
ti ricopre di splendido ammanto, 
tu sei puro ed invitto col vanto 
che il nemico non lasci passar. 
 
Monte Grappa, tu sei la mia Patria, 
sovra te il nostro sole risplende, 
a te mira che spera ed attende, 
i fratelli che a guardia vi stan. 
 
O montagna, per noi tu sei sacra; 
gi¨ di lý scenderanno le schiere 
che irrompenti, a spiegate bandiere, 
l'invasore dovranno scacciar. 
 
Ed i giorni del nostro servaggio 
che scontammo mordendo nel freno, 
in un forte avvenire sereno 
noi ben presto vedremo mutar. 
 
Monte Grappa, tu sei la mia Patria, 
se la stella che addita il cammino, 
sei la gloria, il volere, il destino, 
che all'Italia ci fa ritornar. 
 
"Indice"